Il Basket Bellizzi si arrende in Gara 1: vince la Pall. Trinità 78-73

Giovedì c’è Gara 2, patron Pellegrino: “Abbiamo bisogno dei nostri tifosi”

 

Si chiude con qualche rimpianto Gara 1 dei play-off per il Semprefarmacia.it Basket Bellizzi. Sul parquet della Pallacanestro Trinità, finisce 78-73 in favore dei padroni di casa. I gialloblu escono però dal campo a testa altissima, al termine di un match giocato a viso aperto contro un avversario di spessore. Una prestazione di alto livello quella offerta da Di Mauro e compagni che, per larghi tratti della partita, hanno accarezzato l’idea di tornare a casa con un successo che avrebbe messo in discesa la serie.

L’inizio di gara è inevitabilmente contratto, considerata l’importanza della posta in palio. La Pallacanestro Trinità sa di poter contare sul fattore campo e su elementi di assoluto valore, come i vari Garcia, Misolic e De La Cruz. La squadra di coach Paternoster capisce però subito di dover fare i conti con un avversario determinato e combattivo su ogni possesso. Il primo quarto viaggia così sulla via del grande equilibrio, con un 16-14 che porta le due squadre alla prima interruzione.

Alla ripresa del gioco, è Bellizzi a provare ad imprimere la propria impronta al match. Guidati da Trapani (22) e Di Mauro (16), gli ospiti mettono in grande difficoltà la difesa di casa. La Pallacanestro Trinità si affida ai suoi uomini di esperienza per superare il momento di difficoltà, ma deve comunque concedere qualcosa agli avversari. Il 17-22 di parziale, manda Bellizzi negli spogliatoi avanti di un possesso pieno (33-36).

Al rientro dall’intervallo lungo, gli uomini di coach Paternoster alzano rapidamente i ritmi di gioco. I padroni di casa si affidano alla verve realizzativa di Garcia (18) e Misolic (14) per creare scompiglio nella difesa gialloblu. Bellizzi accusa il colpo e fa fatica ad arginare le offensive dei padroni di casa. Gli ospiti trovano con meno regolarità anche la via del canestro avversario e questo permette a Trinità di scavare un solco di 10 lunghezze che risulterà decisivo alla sirena finale. Con un parziale di 22-12, si arrivano all’ultima interruzione sul punteggio di 55-48.

Con 7 punti da recuperare, nell’ultimo quarto la squadra di coach Sanfilippo è chiamata a replicare quanto fatto vedere nel secondo periodo di gioco. I gialloblu sono precisi nel colpire dall’arco e in penetrazione, trovando ripetutamente la via del canestro. È in difesa però che Esposito e compagni non riescono a stringere le maglie per intrappolare il gioco di Trinità. Guidati dai suoi uomini migliori, i padroni di casa amministrano fino in fondo il tesoretto accumulato nel terzo quarto e fanno propria la contesa. La sirena finale decreta il successo della Pallacanestro Trinità, col punteggio di 78-73.

IL TABELLINO

Pallacanestro Trinità
Garcia 18, Gangale 6, Misolic 14, De La Cruz 12, Morciano 12, Merlo 5, Mbaye 2, Mezzacapo 2, Comollo 7, Grottola, Castellitto, Altavilla.
Coach: Paternoster.

Basket Bellizzi
Granata 4, La Rocca, Lazukic 2, Bertrand, Vitale, Di Mauro 16, Kaufmanis 7, Truglio 12, Polito, Marcone 3, Trapani 22, Esposito 7.
Coach: Sanfilippo.

Parziali
16-14 (16-14); 17-22 (33-36); 22-12 (55-48); 23-25 (78-73).

 

Giovedì 12 maggio si gioca Gara 2, l’appello di patron Pellegrino

Giovedì 12 maggio si torna in campo per Gara 2. Il match sarà disputato presso il Palasport di Sant’Antonio di Pontecagnano Faiano (SA). Palla a due alle ore 20:00. Direzione di gara affidata al 1° arbitro sig. Luca Leggiero di San Tammaro (CE) e al 2° arbitro sig. Fabio Petrillo di Avellino.

In vista del match, decisivo per le sorti della serie, è il patron Nicola Pellegrino a chiamare a raccolta i tifosi: «Giovedì avremo bisogno del nostro meraviglioso pubblico. Al Palasport di Pontecagnano ci giochiamo la possibilità di restare in questi play-off e andare a giocarci le nostre carte in Gara 3. Per cogliere il successo, ai ragazzi serve la spinta e il calore dei nostri tifosi. Anche se non siamo nel nostro fortino del “PalaBerlinguer”, dobbiamo provare a far valere il fattore campo e spingere la squadra verso la vittoria. In Gara 1 abbiamo dimostrato di avere le carte in regola per giocarcela fino in fondo ed ambire a portare la serie dalla nostra parte».